clicca per info

A MODUGNO RITIRO SACCHETTI DEI RIFIUTI ANCHE CON TESSERA SANITARIA

Novità a Modugno nella raccolta e smaltimento dei rifiuti.Gli utenti potranno ritirare il kit buste dalle macchinette erogatrici posizionate nei Centri comunali di Raccolta utilizzando, oltre alla tessera ARO, anche la tessera sanitaria... ...

MODUGNO: DAL 26 MARZO CHIUSURA TEMPORANEA DEI PASSAGGI A LIVELLO

Continuano i lavori di interramento della linea e della stazione ferroviaria di Modugno. Dal 26 Marzo chiusura temporanea dei passaggi a livello...

MODUGNO: "THEREMINE. SPECTRES AND SINE WAVES" IL 22 MARZO AL TEATRO G. FAVA

Venerdì 22 Marzo 2019 alle ore 22:00, il talentuoso duo pugliese Tears of Sirens si esibirà in concerto sul palco del Teatro G. Fava di Modugno...

PET SHOW – AMICI A QUATTRO ZAMPE AL CENTRO COMMERCIALE AUCHAN MODUGNO

Sabato 6 e domenica 7 aprile rassegna canina amatoriale e tante altre iniziative. Iscrivi il tuo cane il 30 e 31 Marzo...

MODUGNO: ARRIVA L'APP PER SEGNALARE I CATTIVI ODORI IN CITTA'

Con Segnal App-Odori chiunque, con un telefonino, potrà segnalare il fenomeno della puzza al suo immediato manifestarsi. I dati raccolti dal Comune di Modugno saranno trasmessi direttamente ad Arpa Puglia. Sabato 23 marzo la presentazione.....

A MODUGNO SI E' PARLATO DI ARTIGIANATO ED EDILIZIA

La situazione locale di artigianato ed edilizia al centro di una tavola rotonda organizzata da “Rinascita per Modugno” la scorsa settimana...

MODUGNO: MARTEDI' 19 MARZO EVENTO CONCLUSIVO DI "STORIE DI DONNE" ALLA SCUOLA DANTE ALIGHIERI

Si conclude domani 19 marzo il percorso di riflessione “Storie di Donne” presso la Scuola Secondaria Dante Alighieri di Modugno...

“L’ARTIGIANATO A MODUGNO” GIOVEDI' 14 MARZO: TAVOLA ROTONDA ORGANIZZATA DA “RINASCITA PER MODUGNO”

Ha per titolo “L’artigianato a Modugno – La Zona artigianale e il blocco dell’edilizia a Modugno” il nuovo evento organizzato dall’associazione “Rinascita per Modugno” che si svolgerà GIOVED&i...

MODUGNO: MARTEDI' 12 MARZO NUOVO INCONTRO DEL PERCORSO "STORIE DI DONNE"

Proseguono le attività nell’ ambito del percorso di riflessione “Storie di Donne” . Martedì 12 Marzo nuovo incontro presso la Scuola "Dante Alighieri" di Modugno...

  • A MODUGNO RITIRO SACCHETTI DEI RIFIUTI ANCHE CON TESSERA SANITARIA

    Lunedì 25 Marzo 2019 10:33
  • MODUGNO: DAL 26 MARZO CHIUSURA TEMPORANEA DEI PASSAGGI A LIVELLO

    Venerdì 22 Marzo 2019 13:48
  • MODUGNO: "THEREMINE. SPECTRES AND SINE WAVES" IL 22 MARZO AL TEATRO G. FAVA

    Giovedì 21 Marzo 2019 16:44
  • PET SHOW – AMICI A QUATTRO ZAMPE AL CENTRO COMMERCIALE AUCHAN MODUGNO

    Martedì 19 Marzo 2019 15:38
  • MODUGNO: ARRIVA L'APP PER SEGNALARE I CATTIVI ODORI IN CITTA'

    Martedì 19 Marzo 2019 15:28
  • A MODUGNO SI E' PARLATO DI ARTIGIANATO ED EDILIZIA

    Lunedì 18 Marzo 2019 15:44
  • MODUGNO: MARTEDI' 19 MARZO EVENTO CONCLUSIVO DI "STORIE DI DONNE" ALLA SCUOLA DANTE ALIGHIERI

    Lunedì 18 Marzo 2019 15:35
  • “L’ARTIGIANATO A MODUGNO” GIOVEDI' 14 MARZO: TAVOLA ROTONDA ORGANIZZATA DA “RINASCITA PER MODUGNO”

    Mercoledì 13 Marzo 2019 17:32
  • MODUGNO: MARTEDI' 12 MARZO NUOVO INCONTRO DEL PERCORSO "STORIE DI DONNE"

    Lunedì 11 Marzo 2019 13:18

modugno-auchan

Segui Redazione Online Network su Facebook


Home Notizie MODUGNO - INCONTRO SUL DISAGIO SOCIALE: “IL MOTORE DEL CAMBIAMENTO DEVONO ESSERE I CITTADINI"

ALTRE NOTIZIE:     Binetto     Bitetto     Grumo     Sannicandro      Toritto


Condividi questa pagina sui Social

MODUGNO - INCONTRO SUL DISAGIO SOCIALE: “IL MOTORE DEL CAMBIAMENTO DEVONO ESSERE I CITTADINI"

PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione Online Network    Venerdì 08 Febbraio 2019 15:03

Pubblichiamo il resoconto dell'evento tenutosi ieri 7 Febbraio a Modugno, sul tema del disagio sociale...

 

 

 

Disagio sociale vuol dire varie forme di inadeguatezza dell’individuo rispetto al sistema di riferimento e in cui vive, che lo portano a uno stato di sofferenza o comunque all’assenza di benessere. 
Sofferenza che non è soltanto economica – una delle più pesanti, senza dubbio – ma anche psicofisica e psicologica (frustrazione, solitudine, timidezza, imbarazzo, ribellione, devianza, rifugio nel mondo delle sostanze psicotrope, il sentirsi inferiori agli altri). E le cause sono molteplici: la caduta di tutti quei valori e realtà consolidate che si ritenevano essere certezze, una impossibilità adattarsi velocemente a una società che cambia, difficoltà nel rispondere alle esigenze e bisogni personali. 
 
E ieri pomeriggio, in un’affollatissima sala “Beatrice Romita”, nell’incontro organizzato dall’associazione “Rinascita per Modugno” e moderato dal presidente Antonio Stragapede, si è discusso a lungo di tutti questi aspetti. Del disagio sociale nella nostra città, e cosa si potrebbe fare concretamente per affrontarlo meglio. Soprattutto grazie alle vive voci e attivismo delle svariate associazioni che lavorano sul territorio.
 
Una di queste è quella fondata e diretta da Michele Farina, dal nome “Agebeo e gli amici di Vincenzo”, che dal 1990 cerca di dare un sostegno a tutti i malati di leucemia e alle loro famiglie. Il suo sogno, però – lui, che lavora al Reparto oncologico al Policlinico di Bari e ha perso il figlio all’età di 16 anni – è quello di mettere su un villaggio dell’accoglienza, a due passi dalla facoltà di Economia, che possa raccogliere dieci nuclei familiari. “Modugno non è il Comune dove i bambini si ammalano di più – ha ammesso – ma c’è un’alta percentuale di ragazzi dai 20 anni in su che muoiono a causa di leucemie fulminanti acute”. 
 
C’è anche “Fermiconlemani” dell’avvocato Alberto Zabatta. Questa associazione affonda radici nel pensiero e musica di Fabrizio Moro, di cui porta il nome dell’omonima canzone, e dal 2009 si occupa di prevenire e combattere i fenomeni di violenza, di tutti i livelli. “La prevenzione – ha scandito – è fondamentale, ed è anche per questo che lavoriamo molto negli istituti scolastici. I primi soggetti che vanno educati sono le famiglie. Il lavoro è il miglior antidoto alla povertà, ed è centrale che le donne riacquistino la loro dignità”. 
 
 
E che dire, poi, di “Bethel”, il cui motto è della povertà non si parla, ma si agisce. E anche quest’associazione, con sede a Foggia e che si occupa di promozione sociale, fa parlare i fatti. Perché – come ha sottolineato il referente per Modugno, Nicola Iacobbe – l’obiettivo è dare un sostegno, vivo, tangibile e concreto a coloro che hanno difficoltà a mangiare. Come? Attraverso i 3mila volontari e le 60 filiali, raccolgono le derrate alimentari – 40 kg al mese – e le danno a chi ne ha davvero bisogno, anche direttamente a domicilio, soprattutto il fine settimana. “A Modugno c’è tantissima gente che ne ha bisogno – ha ammesso Iacobbe - e che noi aiutiamo grazie al Comune, ma è chiaro che possiamo e dobbiamo fare di più con l’aiuto dell’amministrazione, magari avendo a disposizione altri locali”. 
 
E quando si parla di disagio sociale, non si può non far riferimento al ruolo della famiglia, che in questi anni ha perso la propria centralità. Ecco, allora, il compito importante di “Noi per la famiglia”, che nasce all’indomani del Family day del 2015 e dopo la manifestazione del Circo massimo. “La nostra volontà – sono state le parole di Raffaella Greco, delegata per Modugno e Puglia dell’associazione - è garantire ai minori una scuola eticamente corretta e i punti famiglia, quindi Caf patronati con gratuità dei servizi per chi non se lo può permettere”. 
Michele Lieggi, invece, nella vicina Mola di Bari, è a capo da 20 anni del consorzio “Elpendù”, che raccoglie tante cooperative per affrontare temi spinosi quali immigrazione e terza età. 
 
Giuseppe Galante, invece, criminologo clinico, ha analizzato la questione a livello psicologico. “Sarebbe sbagliato trattare il disagio in un discorso insiemistico, ma va affrontato caso per caso. Si deve partire dal rendere particolarmente ricca la casa, che più lo è e più è facile prevenire certi fenomeni”. Ha poi lanciato l’allarme sul diverso rapporto che c’è con la morte, e sulla spersonificazione quando siamo al volante, perché anche l’auto può diventare uno strumento pericoloso. 
Dinanzi ai disagi sociali, a chi si sente emarginato e abbandonato, diventa importante la risposta delle istituzioni, Comune in primis, che però spesso, per svariate motivazioni, non possono fare tutto, e per lo più in tempi rapidi. E lo hanno chiarito, da un lato, l’assessore ai Servizi sociali del Comune di Mola di Bari, Leonarda Valentina Vergatti, e il sindaco di Giovinazzo, Tommaso De Palma. 
Entrambi, però, hanno lanciato un messaggio chiaro: bisogna prima imparare a essere cittadini, gli unici motori del cambiamento. 
 
 
 
COMUNICATO STAMPA - RINASCITA PER MODUGNO

 

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Modugnonline.it" (clicca qui).

 

REDAZIONE ON LINE

alt
alt

Gruppo Grumonline su Facebook

Gruppo Modugnonline su Facebook

 

Community Login

L'iscrizione è GRATUITA!

I nostri lettori

3291116
OggiOggi693
IeriIeri3156
Questa settimanaQuesta settimana3849
Questo meseQuesto mese69323
TotaleTotale3291116
Modugnonline.it