clicca per info

MODUGNO: "THEREMINE. SPECTRES AND SINE WAVES" IL 22 MARZO AL TEATRO G. FAVA

Venerdì 22 Marzo 2019 alle ore 22:00, il talentuoso duo pugliese Tears of Sirens si esibirà in concerto sul palco del Teatro G. Fava di Modugno...

PET SHOW – AMICI A QUATTRO ZAMPE AL CENTRO COMMERCIALE AUCHAN MODUGNO

Sabato 6 e domenica 7 aprile rassegna canina amatoriale e tante altre iniziative...

MODUGNO: ARRIVA L'APP PER SEGNALARE I CATTIVI ODORI IN CITTA'

Con Segnal App-Odori chiunque, con un telefonino, potrà segnalare il fenomeno della puzza al suo immediato manifestarsi. I dati raccolti dal Comune di Modugno saranno trasmessi direttamente ad Arpa Puglia. Sabato 23 marzo la presentazione.....

A MODUGNO SI E' PARLATO DI ARTIGIANATO ED EDILIZIA

La situazione locale di artigianato ed edilizia al centro di una tavola rotonda organizzata da “Rinascita per Modugno” la scorsa settimana...

MODUGNO: MARTEDI' 19 MARZO EVENTO CONCLUSIVO DI "STORIE DI DONNE" ALLA SCUOLA DANTE ALIGHIERI

Si conclude domani 19 marzo il percorso di riflessione “Storie di Donne” presso la Scuola Secondaria Dante Alighieri di Modugno...

“L’ARTIGIANATO A MODUGNO” GIOVEDI' 14 MARZO: TAVOLA ROTONDA ORGANIZZATA DA “RINASCITA PER MODUGNO”

Ha per titolo “L’artigianato a Modugno – La Zona artigianale e il blocco dell’edilizia a Modugno” il nuovo evento organizzato dall’associazione “Rinascita per Modugno” che si svolgerà GIOVED&i...

MODUGNO: MARTEDI' 12 MARZO NUOVO INCONTRO DEL PERCORSO "STORIE DI DONNE"

Proseguono le attività nell’ ambito del percorso di riflessione “Storie di Donne” . Martedì 12 Marzo nuovo incontro presso la Scuola "Dante Alighieri" di Modugno...

MODUGNO: "STORIE DI DONNE" VENERDI' 8 MARZO PRESSO LA SCUOLA DANTE ALIGHIERI

Domani 8 Marzo alle ore 10.30 presso l’Auditorium della Scuola Secondaria di 1°grado “Dante Alighieri” gli alunni/e delle classi terze incontreranno ed intervisteranno Maria Laterza: donna pugliese impegnata da molti anni a p...

8-9-10 MARZO 2019 "GARDENSIA DELL'AISM" PER LA RICERCA SULLA SCLEROSI MULTIPLA

Nei giorni 8, 9 e 10 marzo 2019, in 5.000 piazze di tutta l'Italia, AISM sarà presente con gardenie ed ortensie per sostenere la ricerca sulla sclerosi multipla...

  • MODUGNO: "THEREMINE. SPECTRES AND SINE WAVES" IL 22 MARZO AL TEATRO G. FAVA

    Giovedì 21 Marzo 2019 16:44
  • PET SHOW – AMICI A QUATTRO ZAMPE AL CENTRO COMMERCIALE AUCHAN MODUGNO

    Martedì 19 Marzo 2019 15:38
  • MODUGNO: ARRIVA L'APP PER SEGNALARE I CATTIVI ODORI IN CITTA'

    Martedì 19 Marzo 2019 15:28
  • A MODUGNO SI E' PARLATO DI ARTIGIANATO ED EDILIZIA

    Lunedì 18 Marzo 2019 15:44
  • MODUGNO: MARTEDI' 19 MARZO EVENTO CONCLUSIVO DI "STORIE DI DONNE" ALLA SCUOLA DANTE ALIGHIERI

    Lunedì 18 Marzo 2019 15:35
  • “L’ARTIGIANATO A MODUGNO” GIOVEDI' 14 MARZO: TAVOLA ROTONDA ORGANIZZATA DA “RINASCITA PER MODUGNO”

    Mercoledì 13 Marzo 2019 17:32
  • MODUGNO: MARTEDI' 12 MARZO NUOVO INCONTRO DEL PERCORSO "STORIE DI DONNE"

    Lunedì 11 Marzo 2019 13:18
  • MODUGNO: "STORIE DI DONNE" VENERDI' 8 MARZO PRESSO LA SCUOLA DANTE ALIGHIERI

    Giovedì 07 Marzo 2019 14:43
  • 8-9-10 MARZO 2019 "GARDENSIA DELL'AISM" PER LA RICERCA SULLA SCLEROSI MULTIPLA

    Mercoledì 06 Marzo 2019 18:32

modugno-auchan

Segui Redazione Online Network su Facebook


Home Notizie MOLESTIE A DOTTORESSE DELLA GUARDIA MEDICA: AGLI ARRESTI 49ENNE MODUGNESE

ALTRE NOTIZIE:     Binetto     Bitetto     Grumo     Sannicandro      Toritto


Condividi questa pagina sui Social

MOLESTIE A DOTTORESSE DELLA GUARDIA MEDICA: AGLI ARRESTI 49ENNE MODUGNESE

PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione Online Network    Venerdì 23 Marzo 2018 17:12

Ieri mattina è finito agli arresti un 49enne di Modugno per violenza sessuale continuata aggravata e false dichiarazioni sulla propria identità personale, commessi a partire dal 2011 ai danni di dottoresse della guardia medica in servizio nella provincia di Bari. Di seguito i dettagli...

 

 

 

Ieri mattina, i Carabinieri della Compagnia di Monopoli hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Bari, Dott.ssa Rossanna De Cristofaro, nei confronti di un 49enne di Modugno, arrestato per violenza sessuale continuata aggravata e false dichiarazioni sulla propria identità personale, commessi a partire dal 2011 ai danni di dottoresse della guardia medica in servizio nella provincia di Bari.
 
Le indagini, coordinate dal Pubblico Ministero Dott. Marcello Barbanente, sono partite da una denuncia presentata ai Carabinieri di Monopoli  da una dottoressa in servizio a Castellana Grotte, la quale, nel mese di novembre 2017, in orario notturno, aveva ricevuto la visita di un paziente che accusava dolori addominali. Quest’ultimo, rimasto solo con la dottoressa, si era denudato completamente e l’aveva costretta a toccargli le parti intime, dandosi alla fuga solo quando la donna chiamava il 112.
 
Le immediate indagini dei Carabinieri, eseguite tramite ricerche di persona, nonché servizi di osservazione e pedinamenti svolti presso le sedi degli ambulatori sparsi nella provincia barese, permettevano di constatare, fin da subito, che l’episodio occorso alla dottoressa di Castellana Grotte non fosse  un caso isolato, ma che si trattava di un molestatore seriale, il quale, evidentemente,  nutriva un debole per i  medici donna in servizio alla guardia medica. Nel corso delle indagini si è scoperto, infatti, che il molestatore, da almeno 8 anni, agiva con un consolidato modus operandi, studiato per sorprendere le vittime.
Infatti nelle ore notturne, dopo aver contattato telefonicamente i servizi di guardia medica, al fine di accertarsi che di notte vi fossero medici di sesso femminile, il molestatore si presentava negli ambulatori in orari di chiusura e, approfittando del fatto che non vi erano altri pazienti in attesa, con la scusa di accusare dolori addominali, ben sapendo che il medico non poteva rifiutarsi dal visitarlo, si denudava e cercava il contatto fisico. La violenza si arrestava solo se si presentavano altri pazienti. In una circostanza, poi, era stato provvidenziale il sopraggiungere di un coniuge della vittima che, non vedendo rincasare la propria consorte,  si era recato in ambulatorio. 
 
Fra le guardie mediche si era creata un’autentica psicosi, tanto che le dottoresse avevano deciso di creare un gruppo whatsapp, ove scambiarsi informazioni sul molestatore e dove condividere le proprie storie. In tutti questi anni, l’uomo è riuscito a nascondere la propria identità soprattutto perché si presentava sempre sotto falso nome ed era riuscito a “riconoscere” le proprie vittime. Infatti, se dalla voce si accorgeva che si trattava di una dottoressa già molestata, automaticamente riagganciava e digitava il numero di un’altra sede. I Carabinieri sono giunti all’identificazione dell’uomo, risalendo ad un numero telefonico che corrispondeva ad un apparecchio pubblico installato presso  un distributore di benzina ove, è stato poi accertato, il molestatore lavorava. E’ stato così possibile identificare il responsabile delle violenze sessuali in un uomo di 49 anni, incensurato e coniugato. Nel corso delle indagini sono stati eseguiti dai militari numerosi  servizi di osservazione che hanno permesso di ricostruire le abitudini del molestatore seriale. Nel contempo, nei confronti delle vittime,  sono stati predisposti adeguati servizi a tutela della loro incolumità. 
 
 
L’esecuzione del provvedimento cautelare ha permesso di porre fine a quello che era divenuto un autentico incubo per le dottoresse in servizio di guardia medica. A partire dal 2011, ben 17 sono stati gli episodi di violenza accertati, ai danni di 10 dottoresse, in servizio presso gli ambulatori di Castellana Grotte, Noicattaro, Bitritto, Casamassima, Triggiano, Conversano, Putignano e Acquaviva delle Fonti.
 
Gli accertamenti investigativi proseguono al fine di verificare l’esistenza di ulteriori episodi non denunciati.
 
 
COMUNICATO - SALA STAMPA CARABINIERI PROVINCIA DI BARI
 
 

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Modugnonline.it" (clicca qui).

 

REDAZIONE ON LINE

alt
alt

Gruppo Grumonline su Facebook

Gruppo Modugnonline su Facebook

 

Community Login

L'iscrizione è GRATUITA!

I nostri lettori

3279129
OggiOggi639
IeriIeri2641
Questa settimanaQuesta settimana11582
Questo meseQuesto mese57336
TotaleTotale3279129
Modugnonline.it