clicca per info

3-4-8 MARZO 2018 "GARDENSIA DELL'AISM" PER LA RICERCA SULLA SCLEROSI MULTIPLA

Nei giorni 3, 4 e 8 marzo, in 5.000 piazze di tutta l'Italia, AISM sarà presente con gardenie ed ortensie per sostenere la ricerca sulla sclerosi multipla. A Modugno sarà possibile acquistarle presso la Parrocchia Immacola...

MODUGNO: FINANZIAMENTO DI 15 MILIONI DI EURO PER TRASFORMARE LA ZONA INDUSTRIALE IN AREA ECOLOGICAMENTE ATTREZZATA

La Città Metropolitana finanzia un piano di investimenti strategici da 15 milioni di euro per rendere la Zona Industriale Bari-Modugno un'area ecologicamente attrezzata...

MODUGNO: ANCHE IL CASALE DI BALSIGNANO PARTECIPA ALLA GIORNATA PER IL RISPARMIO ENERGETICO

L'amministrazione comunale di Modugno aderisce alla campagna “M'illumino di meno”, del programma Caterpillar di Rai Radio Due, e sostiene l'iniziativa promossa dall'associazione sportiva locale “AtleticaMente&rdqu...

CIRCOSCR.MODUGNO: LISTE CANDIDATI ELEZIONE CAMERA E SENATO 2018

Ecco l'elenco dei candidati nel Collegio Uninominale e nel Collegio Plurinominale nella Circoscrizione di Modugno alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica...

A MODUGNO SABATO 17 FEBBRAIO IL PRIMO CONSIGLIO COMUNALE DELL'ARO BA2 PER DIRE NO ALL'INCENERITORE

Sabato 17 febbraio, si terrà un Consiglio Comunale Monotematico e Aperto, convocato per ribadire la contrarietà del Comune di Modugno all'insediamento dell'inceneritore Newo. Modugno dà dunque la partenza alla ser...

SOCCER MODUGNO: VITTORIA A CANOSA E TERZO POSTO

Sofferta ed importante vittoria per i ragazzi modugnesi, che grazie ai 3 punti strappati sul campo del Canosa salgono al terzo posto, in compagnia del Bitetto e dell' Orta Nova...

"BAR PIZZERIA DEL PARCO" DI TORITTO CON PIZZAIOLO 3° CLASSIFICATO AL "1° INTERNAZIONALE PASSIONE PIZZA"

La "Redazione On Line Network" fa gli auguri al nuovo "amico sponsor" BAR PIZZERIA DEL PARCO di Toritto, visto che il suo pizzaiolo Francesco Modugno si è classificato al 3° posto al "1° Inte...

VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE MODUGNESE: IL COMUNE AVVIA COLLABORAZIONE CON SOCIETÀ ITALIANA PROTEZIONE BENI CULTURALI

Il Comune di Modugno e la Società Italiana per la Protezione dei Beni Culturali (SIPBC) coopereranno per una serie di attività volte alla valorizzazione dei beni culturali del territorio comunale. Sottoscritto il 6 febbraio, il proto...

COMUNICAZIONE ELETTORALE PREVENTIVA

Comunicazione elettorale preventiva. Offerta pubblicità elettorale riservata ai partiti politici. Elezioni Politiche del 4 marzo 2018. Offerta di spazi pubblicitari per i messaggi politici elettorali...

  • 3-4-8 MARZO 2018 "GARDENSIA DELL'AISM" PER LA RICERCA SULLA SCLEROSI MULTIPLA

    Giovedì 22 Febbraio 2018 10:04
  • MODUGNO: FINANZIAMENTO DI 15 MILIONI DI EURO PER TRASFORMARE LA ZONA INDUSTRIALE IN AREA ECOLOGICAMENTE ATTREZZATA

    Mercoledì 21 Febbraio 2018 17:15
  • MODUGNO: ANCHE IL CASALE DI BALSIGNANO PARTECIPA ALLA GIORNATA PER IL RISPARMIO ENERGETICO

    Mercoledì 21 Febbraio 2018 16:50
  • CIRCOSCR.MODUGNO: LISTE CANDIDATI ELEZIONE CAMERA E SENATO 2018

    Sabato 17 Febbraio 2018 00:01
  • A MODUGNO SABATO 17 FEBBRAIO IL PRIMO CONSIGLIO COMUNALE DELL'ARO BA2 PER DIRE NO ALL'INCENERITORE

    Giovedì 15 Febbraio 2018 15:45
  • SOCCER MODUGNO: VITTORIA A CANOSA E TERZO POSTO

    Lunedì 12 Febbraio 2018 17:29
  • "BAR PIZZERIA DEL PARCO" DI TORITTO CON PIZZAIOLO 3° CLASSIFICATO AL "1° INTERNAZIONALE PASSIONE PIZZA"

    Venerdì 09 Febbraio 2018 18:36
  • VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE MODUGNESE: IL COMUNE AVVIA COLLABORAZIONE CON SOCIETÀ ITALIANA PROTEZIONE BENI CULTURALI

    Giovedì 08 Febbraio 2018 15:59
  • COMUNICAZIONE ELETTORALE PREVENTIVA

    Mercoledì 07 Febbraio 2018 17:58
Home Notizie INCENERITORE A MODUGNO: NOTA DI PEPPINO LONGO E DI ANTONIO TREVISI

ALTRE NOTIZIE:     Binetto     Bitetto     Grumo     Sannicandro      Toritto


INCENERITORE A MODUGNO: NOTA DI PEPPINO LONGO E DI ANTONIO TREVISI

PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione Online Network    Martedì 05 Dicembre 2017 16:12

La possibile realizzazione di un inceneritore alle porte di Modugno, nella zona industriale, sta portando ad una serie di reazioni nel mondo politico locale e regionale. Di seguito le note stampa ricevute a riguardo da Peppino Longo e Antonio Trevisi (M5S)...

 

 

 

INCENERITORE MODUGNO, nota di Peppino Longo
“No incondizionato ad un inceneritore per rifiuti nella zona industriale a cavallo tra i comuni di Modugno e Bari”, è quanto sottolinea in una nota il vicepresidente del Consiglio regionale pugliese, Peppino Longo che annuncia in proposito un’interrogazione all’assessore all’Ambiente, Caracciolo.
 
“Sono certo che le battaglie a tutela della salute dei pugliesi non possano e debbano avere connotazioni politiche. Sono altresì convinto che la politica del no a tutto non solo non ripaga, ma alla lunga produce danno all’intero tessuto sociale ed economico delle nostre comunità. Ma innanzitutto ci deve essere buonsenso, altrimenti le conseguenze di scelte non oculate e spesso apertamente sbagliate, possono essere catastrofiche. Ed è per quest’ultimo motivo che dico no ad un nuovo impianto di ossido-combustione che si occuperà di bruciare i rifiuti provenienti dall'impianto di bio-stabilizzazione di AMIU Puglia nel sito prescelto e che ha ottenuto dagli uffici regionali la Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA). Non solo, ma assicuro la mia totale disponibilità a scendere in campo in prima linea per bloccare questo scempio ambientale e altamente nocivo per la salute dei cittadini”, aggiunge il vicepresidente del Consiglio regionale.
 
“Alle autorità competenti ricordo che Modugno e gran parte dell’area industriale che sarebbe interessata dal nuovo stabilimento già pagano un prezzo elevatissimo in materia di inquinamento, sia per la presenza di altri siti inquinanti, sia a causa di elevati volumi di traffico automobilistico. Non a caso la città, peraltro ad altissima densità abitativa, è stata inserita tra le 11 città più a rischio per inquinamento nella regione. Mi sembra quindi ragionevole – conoscendo del resto l’alto rischio per la Puglia nell’ambito delle strategie per lo smaltimento dei rifiuti – individuare al più presto un nuovo sito per collocare l’inceneritore e soprattutto che sia a distanza di sicurezza da centri urbani, scuole, ospedali”.
Peppino Longo
Vicepresidente Consiglio
Regione Puglia
 
 
 
Trevisi (M5S): “Tenere conto del “fattore di pressione” per non penalizzare aree già inquinate”
 
E’ sempre più concreto il rischio di avere un nuovo inceneritore nella zona industriale di Bari, alle porte di Modugno. Sono state infatti rilasciate le autorizzazioni necessarie alla costruzione del nuovo impianto da parte di Newo, società con sede a Foggia, che ha ottenuto dagli uffici regionali la Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) alla costruzione di un impianto di ossido-combustione che si occuperà di bruciare i rifiuti provenienti dall'impianto di bio-stabilizzazione di AMIU Puglia. Nello specifico il progetto, che ha ottenuto l'approvazione della Regione Puglia, prevede che siano due i tipi di rifiuti che verranno smaltiti da questo nuovo impianto per essere poi rimescolati e bruciati.
 
Sulla questione interviene il consigliere regionale del M5S Antonio Trevisi componente della Commissione Ambiente:  "Modugno è stata inserita tra le 11 città più a rischio per inquinamento nella regione Puglia e in estate l’aria diventa irrespirabile a causa delle emissioni odorigene prodotte dagli impianti già esistenti. L’impianto, anche se sperimentale, sarebbe collocato in un’area densamente urbanizzata e già molto critica dal punto di vista ambientale e di conseguenza, questo impianto andrebbe ad aggiungere inquinamento ad inquinamento. Proprio per salvaguardare aree che, come questa, già pagano un costo ambientale elevato, la scorsa settimana ho protocollato una mozione urgente sul “fattore di pressione” che è fondamentale introdurre anche in Puglia: oltre a tutelare i territori, garantirebbe la disponibilità di una adeguata estensione delle aree idonee per la localizzazione di impianti per lo smaltimento dei rifiuti, anche nel rispetto dei criteri localizzativi già previsti.   La regione deve fare il suo dovere individuando nella propria pianificazione i luoghi a minor impatto ambientale e più distanti dai centri urbani. Non si può continuare a lasciar decidere ai privati quanti impianti servono e dove vanno localizzati anche perché, come nel caso di Modugno, l’effetto cumulativo di tutti gli impianti - conclude - rischia di generare situazioni assolutamente intollerabili e pericolose per la popolazione.”
 
COMUNICATI STAMPA
 

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Modugnonline.it" (clicca qui).

 

REDAZIONE ON LINE

alt
alt

Gruppo Grumonline su Facebook

Gruppo Modugnonline su Facebook

 

Community Login

L'iscrizione è GRATUITA!

I nostri lettori

2435781
OggiOggi1029
IeriIeri1612
Questa settimanaQuesta settimana13915
Questo meseQuesto mese50619
TotaleTotale2435781